Borse ai massimi, recessione in vista, incognita debito. Il 2020 appare come un anno difficile. Eppure qualcuno guadagnerà comunque.

Borse ai massimi. E ora?

Il 2019 è stato un anno davvero scoppiettante sui mercati. L’indice MSCI World, rappresentativo delle borse mondiali, ha guadagnato il 30% circa.

E pensare che il 2019 era iniziato sotto i peggiori auspici, dopo il tonfo delle borse del dicembre 2018. Oggi però alcuni temono che stia per arrivare un nuovo 2008, con una discesa del 30-40% delle quotazioni.

A causa di ciò gli investitori sono disorientati e si domandano che cosa sia meglio fare. Aspettare ad investire? Vendere tutto? Se i mercati continueranno a crescere nessuna di queste opzioni sarà valida.

Chi ha liquidato le posizioni un anno fa, ad esempio, ha perso un balzo in avanti del 30% che nessuno aveva previsto.

Recessione in vista

Dal 2008 l’economia globale è sempre cresciuta. Grazie a politiche monetarie espansive e all’incremento del debito. Tuttavia i principali istituti di ricerca stanno evidenziando come l’economia mondiale mostri qualche segno di stanchezza.

Dal momento che in questo mondo tutto è ciclico, una contrazione del fatturato delle aziende è da mettere in conto. Se le grandi corporation sapranno compensare una eventuale riduzione dei ricavi con un abbattimento dei costi, l’impatto sui profitti sarà limitato.

Tuttavia una recessione comporterà comunque la diffusione epidemica del pessimismo sui mercati. E le borse potrebbero reagire con crolli piuttosto decisi.

Dal canto loro, i Governi non avranno più i margini di manovra usati in passato per fronteggiare le crisi. Una politica fiscale espansiva, infatti, comporterebbe l’incremento del debito pubblico, già molto elevato.

Le armi a disposizione delle Banche Centrali, invece, sono limitate dal livello bassissimo raggiunto dai tassi di interesse.

L’incognita debito

Il debito globale, negli ultimi 10 anni, è cresciuto in modo esponenziale. Sia quello privato, grazie ai bassi tassi di interesse, sia quello pubblico.

I timori di alcuni autorevoli operatori si focalizzano su una crisi del debito che scoppierebbe al sorgere di una recessione. A causa della contrazione dei ricavi, in altri termini, le aziende non sarebbero più in grado di fronteggiare i pagamenti per capitale ed interessi.

A causa di ciò molti bond di bassa qualità andrebbero in default mentre l’investimento in attività finanziarie sicure sarebbe ancora più penalizzante. Già oggi molti bond ad alto rating offrono tassi negativi. Una richiesta ulteriore aggraverebbe il paradosso secondo cui l’investitore paga per investire.

La grande opportunità del 2020

A dispetto di quanto visto, il 2020 offre concrete possibilità di guadagno. Ma se vuoi coglierle hai bisogno di una guida, di una bussola che ti faccia vedere come stanno le cose.

A tal proposito desidero condividere con te le analisi e l’outlook globale del 2020 realizzato dall’ufficio analisi e mercati di SegretiBancari.com.

Abbiamo condensato tutto ciò che ti serve per investire nel 2020 e te ne parleremo durante il webinar dal vivo di lunedì 27 gennaio.

Sarò in diretta streaming per presentarti le nostre analisi e per rispondere alle tue domande. Ti offrirò le slides usate durante la serata, avrai la registrazione dell’evento per riguardarla quando vorrai e in omaggio ti regalerò il mio ultimo libro.

Scopri di più…

Think different. Invest differently.

Giacomo Saver – CEO di SegretiBancari
Ti potrebbero interessare anche…


Source link

  1. The evidence for the superior readthrough efficiency of 22 and 23 over that of gentamicin was demonstrated in vitro on six different DNA fragments derived from the mutant PCDH15, CFTR, Dystrophin, and IDUA genes carrying nonsense mutations and representing the underlying causes for the genetic diseases USH1, CF, DMD, and HS, respectively, and ex vivo in cultured cell lines on three different DNA fragments that model the genetic diseases USH1, CF, and HS. buy doxycycline eu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.